Biblioteca Nazionale Firenze

L'attuale Biblioteca Nazonale Centrale di Firenze ha origine dalla biblioteca privata di Antonio Magliabechi, costituita da circa 30.000 volumi e lasciata in eredità testamentaria nel 1714 "a beneficio universale della città di Firenze". Per incrementarla nel 1737 fu stabilito per decreto che vi fosse depositato un esemplare di tutte le opere che si stampavano a Firenze, e dal 1743 anche di quelle pubblicate nell'intero Granducato di Toscana. Nel 1861 il neonato Regno d'Italia promulgava un ulteriore decreto che sanciva l'unificazione della Biblioteca Magliabechiana con la grande Biblioteca Palatina (costituita de Ferdinando III di Lorena e continuata dal suo successore Leopoldo II). Il nuovo istituto assunse la denominazione di Biblioteca Nazionale ed originariamente ebbe sede in locali che facevano parte del complesso degli Uffizi; nel 1935 venne poi trasferito nella sua attuale sede, costruista a partire dal 1911 su progetto dell'architetto Cesare Bazzani e successivamente ampliata dall'architetto Vincenzo Mazzei. L'edificio, uno dei rari esempi di edilizia bibliotecaria, fa parte dell'area monumentale del complesso di Santa Corce. Dal 1869, dalla promulgazione cioè del Regio Decreto in data 25 novembre, la Biblioteca Nazionale di Firenze riceve per diritto di stampa una coppia di tutto quello che viene pubblicato in Italia.

Piazza dei Cavalleggeri, 1
Aperto da lunedì a venerdì 8:15-19:00 sabato 8:15-13:30
Golden Tower Hotel & SPA - Piazza Strozzi 11/r, 50123 Firenze (FI)
Tel. +39 055.287860 Fax. +39 055.2658044
C.F. e P.I.: 03780140400 - info@goldentowerhotel.it